21/01/2020
Arriva Beprof, la app utile ai liberi professionisti

Al via la campagna media della prima piattaforma realizzata per facilitare oltre 1,4 milioni di professionisti

Il progetto lanciato da Confprofessioni coniuga welfare e servizi con le tecnologie digitali. Una soluzione gratuita per accedere a innovative formule cucite su misura per rendere l'attività professionale più smart.  
 

Arriva BeProf, la prima piattaforma digitale destinata a soddisfare la crescente domanda di welfare e di servizi personalizzati degli oltre 1,4 milioni di liberi professionisti in Italia. In versione App o desktop, BeProf è una risorsa utile e gratuita che permette di accedere a un'ampia gamma di prestazioni e di servizi studiati per comporre un’offerta completa e su misura dei professionisti, progettata da Confprofessioni con partner di primaria importanza come il Gruppo Zucchetti, Il Sole 24 Ore/Radiocor, Deliveroo, SìSalute, Unicredit, Unisalute.
Il progetto nasce dall'intuizione di Confprofessioni, la principale organizzazione di rappresentanza dei liberi professionisti, di incrociare le tutele di welfare, già previste dal Contratto collettivo degli studi professionali, con le soluzioni più innovative offerte dalla digitalizzazione, per renderle disponibili a tutti i professionisti e lavoratori autonomi.
BeProf è una start up che nasce con le spalle robuste, grazie agli oltre 80 mila titolari di studi professionali che già aderiscono al network Confprofessioni, ma che guarda anche a tutti i professionisti che non hanno dipendenti, ai giovani che si affacciano alla libera professione, al popolo delle Partite Iva e a tutti quei soggetti più deboli del sistema professionale che faticano ad accedere a forme di tutele e di welfare.
«Il lancio di BeProf arriva in un momento molto particolare per i professionisti e per i lavoratori autonomi», afferma il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella. «Migliaia di professionisti, infatti, non potranno più accedere alle forme di tutela previste dalle deleghe contenute nel cosiddetto Jobs act del lavoro autonomo che sono scadute. In questo senso l'idea di estendere le garanzie di welfare contrattuale a tutti i professionisti non è più un'opportunità, ma per noi diventa quasi un obbligo morale».
Salute e welfare sono infatti i principali punti di forza della piattaforma BeProf, che mette a disposizione dei professionisti garanzie sanitarie integrative, a condizioni estremamente vantaggiose, come l’accesso alla copertura delle spese per prestazioni specialistiche presso le strutture sanitarie convenzionate, accertamenti diagnostici, checkup, spese mediche sostenute in gravidanza, coperture infortuni. Ma non è tutto.
«Intorno al pacchetto “Salute e Welfare”, abbiamo voluto costruire un'offerta di prodotti e servizi     utili che puntano a semplificare l'attività quotidiana del professionista e, al tempo stesso, a sostenerne lo sviluppo», commenta Luca De Gregorio, responsabile del progetto BeProf. «Attraverso la piattaforma, per esempio, è possibile accedere a finanziamenti a condizioni agevolate per l'acquisto di beni e servizi legati all'attività professionale o a formule di leasing immobiliare per acquistare uno studio professionale; si possono scaricare, a tariffe riservate, informazioni contenute nelle banche dati delle CCIAA, visure catastali, relazioni e visure immobiliari, contratti collettivi nazionali fino alla fatturazione elettronica; si possono pianificare i viaggi di lavoro e, perché no, di svago, prenotando le migliori strutture alberghiere in tutta Europa sfruttando i listini più bassi del settore».
Insomma, un mix di soluzioni cucite su misura in continuo aggiornamento. «Partiamo già da una solida base di servizi e nelle prossime settimane andremo a definire nuove partnership con primari player di riferimento per il mondo professionale», aggiunge De Gregorio. «Un work in progress che, grazie all'intelligenza artificiale della piattaforma, permetterà di soddisfare ogni tipo di esigenza dei professionisti in base al loro comportamento».
BeProf non è solo un innovativo marketplace accessibile con un semplice clic, perché uno dei suoi punti di forza è la condivisione. La piattaforma è stata infatti progettata come un vero e proprio social media, dove tutti i giorni i professionisti possono accedere alla rassegna stampa personalizzata, commentare le notizie e le video-pillole quotidiane e il Tg settimanale pubblicati nella “newsroom”; creare gruppi di lavoro, scambiarsi informazioni, partecipare a sondaggi ed eventi, nello spirito di una vera e propria community.
Il lancio di BeProf sarà accompagnato da una campagna digital, la prima di Confprofessioni, che mira a mettere in scena il sentiment del target, creando identificazione e immedesimazione. La campagna multi-soggetto, in partenza dal 22 gennaio e on air per 11 settimane (nella fase di lancio), vede infatti come protagonisti i volti dei liberi professionisti, a tratti dubbiosi, a volte stressati per le complicazioni derivate dalla libera professione. La risposta a queste perplessità arriva da BeProf, l’unica soluzione «one-stop-shop» per gestire in modo semplice e conveniente il welfare e i servizi legati all’esercizio della libera professione. La campagna è stata realizzata da Edelman e ha visto il coinvolgimento di Digital Angels come centro media.