COVID-19, cambia il calendario fiscale | Confprofessioni
04/03/2020
COVID-19, cambia il calendario fiscale

La Certificazione Unica slitta al 31 marzo. Prorogato al 30 settembre il termine per l’invio del 730 precompilato. Le Entrate pubblicano una tabella con le nuove scadenze

Il nuovo Decreto Coronavirus, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2 marzo 2020, contiene Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. In particolare, per contenere gli effetti negativi  che il virus sta producendo sul tessuto economico del Paese, sono stati prorogati i termini di alcune scadenze fiscali in tutto il territorio nazionale.

 

Slitta dal 7 al 31 marzo 2020 il termine entro cui i sostituti di imposta devono trasmettere la Certificazione Unica e dal 28 febbraio al 31 marzo quello entro cui gli enti terzi devono inviare i dati utili per la dichiarazione precompilata. È stato prorogato al 5 maggio 2020, dalla precedente data del 15 aprile, il giorno in cui sarà disponibile per i contribuenti la dichiarazione precompilata sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Infine, passa dal 23 luglio al 30 settembre 2020 la scadenza per l’invio del 730 precompilato.

 

Di seguito una tabella riepilogativa, predisposta dalle Entrate, con le vecchie e nuove scadenze.

 

Adempimento

Scadenze 2020

(ante modifica)

Scadenze 2020

(post modifica)

Comunicazioni enti esterni (banche, assicurazioni, enti previdenziali, amministratori di condominio, università, asili nido, veterinari, etc.)*

28 febbraio

31 marzo

Trasmissione telematica Certificazione Unica all’Agenzia

7 marzo

31 marzo

Messa a disposizione della dichiarazione precompilata

15 aprile

5 maggio

Termine di presentazione del modello 730 precompilato

23 luglio

30 settembre

* resta invariato il termine per l’invio dei dati delle spese sanitarie al sistema Tessera Sanitaria (31 gennaio 2020)