Gender Action Plan e parità nel settore assistenza | Confprofessioni
09/12/2020
Gender Action Plan e parità nel settore assistenza

Obiettivi: accelerare i progressi nell'emancipazione delle donne e delle ragazze ed eliminare le disuguaglianze retributive

La Commissione europea e l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza hanno presentato piani ambiziosi per promuovere l'uguaglianza di genere e l'emancipazione femminile attraverso tutte le azioni esterne dell'Unione europea. Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi significativi ma non uniformi nel promuovere i diritti delle donne e delle ragazze, nessun paese al mondo è sulla buona strada per raggiungere l'uguaglianza di genere e l'emancipazione di tutte le donne e le ragazze entro il 2030. Inoltre, le conseguenze sanitarie e socioeconomiche della crisi COVID-19 stanno colpendo in modo sproporzionato le donne e le ragazze. Per affrontare questo problema, il nuovo Piano d'azione dell'UE sull'uguaglianza di genere e l'emancipazione femminile nell'azione esterna 2021-2025 (GAP III) mira ad accelerare i progressi nell'emancipazione delle donne e delle ragazze e a salvaguardare i progressi compiuti in materia di uguaglianza di genere nei 25 anni successivi all'adozione della Dichiarazione di Pechino e della sua piattaforma d'azione.

 

Una più equa condivisione dell'assistenza ridurrebbe le disuguaglianze di genere sul posto di lavoro

Secondo uno studio dell'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere (EIGE) esiste un legame diretto tra la divisione ineguale dell'assistenza non retribuita nelle famiglie e la disuguaglianza di genere nel mercato del lavoro. In tutta l'UE, la maggior parte del lavoro di assistenza non retribuita è svolto da donne, con il 92% che fornisce assistenza non retribuita diversi giorni alla settimana - contro il 68% degli uomini. Le donne occupate fanno anche più della loro giusta parte di lavoro di assistenza non retribuito. In tutta l'UE, spendono 90 minuti in più al giorno rispetto agli uomini occupati per l'assistenza non retribuita. Il rapporto "Disuguaglianze di genere nell'assistenza e conseguenze per il mercato del lavoro" fa parte del lavoro dell'EIGE sul monitoraggio dei progressi dell'UE verso i suoi impegni in materia di parità di genere nell'ambito della piattaforma d'azione di Pechino. È stato preparato su richiesta della Presidenza tedesca del Consiglio dell'Unione europea.

Leggi il comunicato stampa

 

ARTICOLO CORRELATO: Divario retributivo di genere, Consiglio approva le conclusioni | Confprofessioni