Rapporto regionale sulle libere professioni

I Rapporti regionali, giunti alla terza edizione, offrono una puntuale e meticolosa indagine sugli avvenimenti accaduti nel corso degli ultimi anni nel settore libero professionale. Tali rapporti nascono dall’esigenza di osservare il mondo delle libere professioni attraverso una fotografia fedele e aggiornata della realtà professionale in ciascuna Regione; per fare ciò l’Osservatorio si avvale dell’ausilio di diverse fonti come Istat, Eurostat, Inps e AdEPP.

I rapporti sono pensati come strumento essenziale a disposizione delle classi dirigenti regionali per calibrare al meglio le politiche di sviluppo su scala territoriale. Inoltre, sono utili nella programmazione dell’istruzione superiore e offrono indicazioni per la programmazione dell’offerta formativa professionalizzante a livello di ogni singola regione.

Sono, inoltre, un robusto fondamento cognitivo su cui innestare politiche sociali e del lavoro che possono fare perno sul mondo associativo e datoriale. Proprio da tale mondo sono emerse nel corso del 2020 preziose indicazioni per fronteggiare e gestire l’emergenza sanitaria ed economica innescata dalla diffusione del virus nel nostro Paese, sia a livello centrale che periferico. In questo quadro, le associazioni di rappresentanza come Confprofessioni hanno saputo reinventare il proprio ruolo, sviluppando un gioco di squadra con le istituzioni politiche a livello nazionale, regionale e locale, valorizzando fino in fondo la loro funzione di parte sociale.